Connect with us

Editoriali

Tarallucci e vino

Pubblicato

il

A giorni, anzi a ore, avremo un nuovo Governo. A guidarlo ci sarà un nuovo Chef, come lo abbiamo simpaticamente etichettato nell’editoriale della scorsa settimana: Mario Draghi, un tipo di poche parole che dicono sappia parecchio il fatto suo, sperando sappia anche il fatto dell’Italia.
Intanto, alcune indiscrezioni confermano che è uno che apprezza il vino, in particolare rosso, nello specifico quello siciliano. Voi direte, ma che c’entra il vino? Il vino c’entra sempre.

Allora, come sapete, è ormai certo, Draghi prenderà il posto di Giuseppe Conte, anzi Giuseppi, un pugliese, e la Puglia è una regione che vanta fra le sue specialità taralli e tarallucci. Capite ora cosa preoccupa? Il timore è che quando ci sarà il passaggio della campanella c’è il rischio che uno porta il fiasco del vino e l’altro si presenta con i tarallucci: finire a tarallucci e vino prima di cominciare un nuovo Governo è un festino che l’Italia non può permettersi.

Ehm… pare non abbia riso nessuno a questa stupida freddura.

E, allora, scusate la poco simpatica e poco edificante iperbole. Beninteso, senza offesa per nessuno, specialmente per vino e tarallucci. Ma battutacce da cantina a parte, i timori restano, specie fra gli operatori di un settore come quello dei consumi extradomestici, un timore misto a rabbia, sentimenti che annotiamo ogni giorno nei post e nei video di Horeca Channel Italia.  

Un mondo, l’Horeca, bloccato per decreto che ha subito un tracollo mortale. Dalla data del primo lockdown (9 marzo 2020) è quasi passato un anno, nel frattempo il fuoricasa ha bruciato oltre 40 miliardi di euro, gli effetti lungo tutta la filiera sono stati mostruosi, i ristori minimi e insufficienti e per alcune categorie (i distributori) inesistenti. Ad oggi non vi è un piano certo di riapertura senza più vincoli di orario. Si naviga a vista.

Nel frattempo la classe politica continua a galleggiare nella sua conca di parole, si consulta e parla, parla e si consulta e, fra chiacchiere e consultazioni, i giorni passano e il mondo Horeca sprofonda sempre più: migliaia di imprese a rischio chiusura, si paventa anche un’ecatombe di posti di lavoro.  

Draghi deve far presto, gli italiani (e noi fra questi) credono e hanno fiducia in lui, come si evince dai sondaggi. È vero, lo attende uno sforzo sovrumano, ma “l’uomo” dicono sia risoluto e risolutivo e, soprattutto, capace. Confidiamo in lui e, nel frattempo, un buon bicchiere di vino rosso siciliano glielo concediamo. Ma solo uno, senza tarallucci.

Continue Reading
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Copyright © 2020  www.horecachannelitalia.it - Per info: info@horecachannelitalia.it - WhatsApp: 366 428 1537

Direttore: Giuseppe ROTOLO giuro@inputedizioni.it

Iscrizione al R.O.C. n°6648 - Testata registrata al Tribunale di Bari  al nr. 14/2020

Web Agency Agosdesign