Connect with us

Editoriali

Crazy Italian Summer

Pubblicato

il

In queste settimane di ripartenza del mercato dei consumi fuoricasa c’è un dilemma che assale gli operatori: il mercato è davvero ripartito o è un fuoco di paglia che durerà il tempo di un’estate?

Al quesito si aggiunge la solita immancabile confusione che ha contraddistinto i provvedimenti con i quali i vari Governi hanno gestito questi mesi di pandemia, compresa la coda in variante Delta. Ultimo siparietto il Green Pass: sì, no, quando, dove, come. Anche in questo caso, come in altri, la confusione è totale e le polemiche non mancano: perché in hotel si può alloggiare senza Green Pass e, poi, per accedere al ristorante di quello stesso hotel ci vuole il Green Pass? Un dilemma sul qualche Amleto impazzirebbe!

Molti ristoratori protestano: “Non siamo sceriffi e non possiamo stare lì a smanettare con questa C19, tutte operazioni che nessuno ci paga e che gravano sul nostro lavoro, con il rischio di essere sanzionati se qualche cliente s’imbuca senza certificato. E poi, perché non c’è nessun controllo su bus e metro? Solo a noi, sempre a noi. Non è giusto!”. Anche gli stellati protestano, come Vissani: «Con il Green Pass perdiamo anche quei pochi clienti rimasti». Altri colleghi, invece, sono a favore, come Niko Romito: «Preferisco avere meno coperti, piuttosto che affrontare altri periodi di chiusure».

Chi ha ragione?

Sempre in riferimento al mercato Ho.Re.Ca., la stessa fibrillazione pervade chi vede la ripresa del settore e chi no. Per taluni il settore ha avuto un rimbalzo inatteso e spettacolare, per altri rimbalza a malapena.

Il mercato è ripartito molto bene, per i consumi di birra sono stati quasi raggiunti i livelli del 2019”, titola un articolo del Il Sole 24 Ore (testata autorevolissima). C’è chi, invece, lamenta un netto calo di coperti e con lo scontrino medio parecchio ridotto: “Mi entrano 4 clienti, ordinano 2 pizze da dividere e pasteggiano ad acqua per risparmiare”. Posizioni diverse, punti di contrasto, lo stesso rapporto FIPE, che fotografa il secondo quadrimestre, racconta di un clima di fiducia pari al secondo trimestre 2019, ma allo stesso tempo parla di incertezza sulle prospettive di breve termine. Insomma, è bianco o è nero?

Pure sul turismo visioni diverse: alcuni quotidiani parlano che il mercato è finalmente risorto e, lo stesso giorno, altri quotidiani riportano di prenotazioni che saltano con hotel in vendita perché praticamente in default. Insomma, tutto e il contrario di tutto. Dov’è la verità?

La logica direbbe vediamo i numeri, i dati statistici certi e riscontrabili. Ma in questo can-can i numeri non ci sono, quindi, si procede con stime che per certuni, più che stime, sono sensazioni, ma le sensazioni vanno lasciate ai sensitivi, ai medium, ai tarocchi e da qui al tarocco poi… è un attimo.

E allora meglio andare al mare, visto che in spiaggia il Green Pass non serve al momento.
Ci rivediamo a settembre, con qualche certezza in più. Si spera.

Continue Reading
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Copyright © 2020  www.horecachannelitalia.it - Per info: info@horecachannelitalia.it - WhatsApp: 366 428 1537

Direttore: Giuseppe ROTOLO giuro@inputedizioni.it

Iscrizione al R.O.C. n°6648 - Testata registrata al Tribunale di Bari  al nr. 14/2020

Web Agency Agosdesign