Connect with us

Editoriali

Ubriacature NO Alcol

Pubblicato

il

Chissà cosa avrebbe scritto il buon Luigi Veronelli, a fronte delle polemiche che montano in questi giorni sulla proposta della Unione Europea che autorizzerebbe l’eliminazione totale e parziale dell’alcol dal vino. Cosa avrebbe detto lui, intenditore e cantore del vino, del “Canto della Terra” come lo definiva?

Certo che chiamare vino un prodotto che ha quasi zero gradi alcolici… è abbastanza paradossale. Un vino senz’alcol è come il karaoke, della canzone originale non ha poco o nulla. Ma siamo sicuri che la colpa di questa ubriacatura senza vino sia tutta della UE? O ci sono altre verità? O vi è anche l’interesse di alcuni produttori di trovare nuove soluzioni per fronteggiare produzioni che, a causa dei cambiamenti climatici, di inattesi e ostili microclimi, si ritrovano con vini con elevati gradi alcolici, poco fruibili, poco vendibili?

E poi, in tutta questa sbornia, che ruolo giocano le multinazionali del commercio organizzato desiderose di riempire i loro supermercati di nuovi prodotti a prezzi da discount, per acchiappare nuovi consumatori e ingabbiarli in nuove occasioni di consumo? Insomma, la situazione è complicata e fra pressioni, lobby e necessità, viene fuori la solita immonda cagnara: le prese di posizioni sono diverse, alcuni poi prendono posizione senza manco sapere dove sia la loro posizione.

Ma, per tutta una serie di ragioni, sarà inevitabile per i produttori – non tutti, ovviamente – affrontare e gestire l’evoluzione dealcolata che per certi versi potrebbe offrire anche inattese opportunità. Quello che, invece, non va è che, nel frattempo, i nostri politicanti languono affaccendati in altre faccende, il rischio è che i bolsi funzionari della UE, bevitori di acqua e poco avvezzi al vino, legiferino combinando il solito ed ennesimo pastrocchio. Del resto, ne abbiamo viste di cotte e di crude in questi anni a danno delle nostre produzioni agroalimentari.

La faccenda è delicata, ci vuole competenza e chiarezza. Come, ad esempio, avere la cortesia di non chiamare “vino” un vino con una gradazione inferiore ai 9°. E allora, come si potrebbe denominare il vino dealcolato? Facciamo una proposta direttamente ad Ursula Von del Leyen: “Cara Ursula, semmai vogliate avvinazzarvi con un vino senza alcol, per favore non chiamatelo vino, e neanche vinello, chiamatelo Tapino, anzi Tapiro”.

Continue Reading
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Copyright © 2020  www.horecachannelitalia.it - Per info: info@horecachannelitalia.it - WhatsApp: 366 428 1537

Direttore: Giuseppe ROTOLO giuro@inputedizioni.it

Iscrizione al R.O.C. n°6648 - Testata registrata al Tribunale di Bari  al nr. 14/2020

Web Agency Agosdesign