Connect with us

Editoriali

Si può fare!

Pubblicato

il

Anno nuovo, vita nuova recita il detto. E che sia nuova davvero, visto che la qualità della vita nel 2020 ha lasciato alquanto a desiderare. Lo scotto che ha pagato il mondo Ho.Re.Ca. è stato a dir poco devastante. I vari analisti che si sono cimentati nello stimare il tracollo sono giunti a conclusioni numeriche, in alcune occasioni, anche parecchio diverse, il che lascia ben intendere quanto complesso e imprevedibile sia stato l’anno che ci siamo lasciati alle spalle.

Anche sull’auspicabile ripresa dei consumi vi è divergenza: chi parla di rimbalzi del 30%, chi si spinge fino al 40%.

La verità è che non vi sono certezze. L’unica certezza è che il 2021, per il settore del fuoricasa italiano, sarà un anno di transizione dove gli operatori  dovranno fare i conti con consumatori ancora  timorosi del contagio, almeno fino a quanto il vaccino non avrà garantito coperture adeguate. Un mercato dove resteranno le mascherine, il distanziamento sociale e le norme anti Covid nei locali, norme quest’ultime che, è molto plausibile, restino anche negli anni a venire.

Ma non è questo il punto:  in un mercato di consumi, così come in altri contesti, non è tornando come prima che tutto ritorna come prima. Sarebbe stupido pensarlo.

Non sono e né saranno determinanti sovvenzioni e ristori: come possono incidere qualche migliaio di euro in aziende che fra lockdown e coprifuochi vari hanno invece perso centinaia di migliaia, se non milioni di euro? Il valore futuro non si crea con quelle bende e prebende che gli operatori Ho.Re.Ca genuflessi hanno chiesto al Governo. Anche se alcuni, come i distributori Ho.Re.Ca., seppur comunque genuflessi, hanno ottenuto solo l’indulgenza.

La risposta ad una crisi non consiste nel ristabilire l’ordine precedente, ma nel crearne uno che prima non c’era. Un nuovo ordine che tenga conto della straordinaria velocità che il Covid ha imposto ad alcuni cambiamenti, nuovi modelli di consumo, nuovi format d’offerta, l’uso sempre più spinto della tecnologia che accelera l’interazione fra gli attori della filiera e chi non si adegua resta fuori d’emblée. Dove la filiera è sempre meno definita e confluisce piuttosto in una sorta di ecosistema con i classici ruoli che si fondono e confondono.  

Un nuovo ordine dove fattori come digitalizzazione e sostenibilità devono essere al centro di strategie condivise da parte di gestori, distributori e produttori e con loro i nuovi operatori, ovvero  quei soggetti che non svolgono una funzione fisica, ma con le loro applicazioni, i servizi on line sono capaci di offrire risposte subitanee, captare bisogni ed esigenze e diventare sempre più influenti nelle scelte dei consumatori e nelle dinamiche di consumo.

L’Ho.Re.Ca. post covid  implica decisioni, tempi e strategie diverse da quelle che l’esperienza del passato suggerisce, con la consapevolezza che se che niente sarà come prima, si potrà fare parecchio affinché sia meglio di prima.

Giu.RO.

Continue Reading
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Copyright © 2020  www.horecachannelitalia.it - Per info: info@horecachannelitalia.it - WhatsApp: 366 428 1537

Direttore: Giuseppe ROTOLO giuro@inputedizioni.it

Iscrizione al R.O.C. n°6648 - Testata registrata al Tribunale di Bari  al nr. 14/2020

Web Agency Agosdesign