Connect with us

Short News

Short News 09 Novembre 2020

Pubblicato

il

Ristori Bis: grossisti a secco

Il Ristori Bis è ormai cosa fatta, aumentata la lista dei beneficiari e maggiori percentuali per alcune categorie del fuoricasa maggiormente penalizzate dalle strette sugli orari o da chiusure totali. Completamente ignorati, però, gli appelli delle circa 4000 aziende di distribuzione all’ingrosso Food&Beverage che restano fuori dai Ristori, nonostante siano parte fondamentale del mercato del Fuoricasa. Annotiamo come negli elenchi dei codici ATECO ristorati vi siano le attività più disparate, come chi si occupa di fabbricazioni di articoli esplosivi. È probabile che il Governo si sia cautelato per evitare che questi fabbricatori di articoli esplosivi organizzassero manifestazioni di protesta in piazza Montecitorio… Esplosive.

Liquidità per l’Horeca

Sempre in riferimento al decreto Ristori, Fipe un maggiore coefficiente di moltiplicazione per il calcolo delle sovvenzioni, ulteriori settimane di Cassa Integrazione e liquidità a lungo termine. Per FIPE serve un patto con il sistema bancario affinché il debito contratto nel 2020 venga spalmato in un arco temporale di almeno 20 anni, con un preammortamento di 24 o 36 mesi, che permetta alle imprese che sono oggi in stato prefallimentare di uscire dalle macerie e rialzarsi.

Distribuzione Moderna: torna a correre

Le vendite di prodotti di Largo Consumo confezionato nella Distribuzione Moderna, che si erano riportate su tassi pre-COVID – nella prima settimana di novembre – tornano a svilupparsi su tassi fisiologici da emergenza. Lo attestano i dati IRI: carni, surgelati e prodotti per la cura della casa le categorie le cui vendite sono aumentate in doppia cifra. La vendite on-line continuano a galoppare. Di riflesso, nei Cash&Carry – attività commerciali prossime al mercato Horeca – la prima settimana di novembre ha fatto segnare un -36,7%.

La Top Five dei cocktail

Quali sono le tendenze del mondo degli alcolici e quali le nuove abitudini e i cocktail più graditi dagli italiani? A queste domande risponde una nuova ricerca di Fattoretto Agency in collaborazione con SEMrush. La top five dei drink che gli italiani scelgono maggiormente vede al 5° posto l’Aperol Spritz, a seguire Margarita, Negroni, Moshow Mule, e al 1° posto, con un bel distacco, il Mojito.

Birra: due new entry

Dai drink alla birra per parlarvi di una sorta di caccia al tesoro quella lanciata da James Watt, uno dei fondatori del birrificio artigianale scozzese Brewdog, che ha postato su twitter una misteriosa foto di una lattina d’oro con la scritta: “Lattine di Punk IPA d’oro a 24 carati, le nasconderemo in 12 confezioni casuali a novembre”. Cosa non si fa per vendere ai tempi del Coronavirus.
Brewrise, invece, va sul pratico e lancia le Twistee Can, lattine richiudibili per birra alla spina, il tappo è dotato di un filtro, così da favorire un ambiente ottimale per la birra. Una buona alternativa per chi vuole continuare a servire la birra alla spina, sfruttando le nuove occasioni di consumo, che non sono a 24 carati.

Continue Reading
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Copyright © 2020  www.horecachannelitalia.it - Per info: info@horecachannelitalia.it - WhatsApp: 366 428 1537

Direttore: Giuseppe ROTOLO giuro@inputedizioni.it

Iscrizione al R.O.C. n°6648 - Testata registrata al Tribunale di Bari  al nr. 14/2020

Web Agency Agosdesign